martedì 8 gennaio 2013

stranezze delle donne - i nuovi mostri

22 dicembre. Partenza per la montagna. Io e il manzo (Johnny) in assetto da guerra, pronti a 17 giorni di ferie. Probabilmente non succedeva dalle vacanze di terza elementare.
Durante il tragitto, sento di essermi dimenticata qualcosa. Ripercorro mentalmente la valigia due o tre volte, finché si accende il campanello: il latte detergente!
Niente di grave, insomma.
Arriviamo sotto casa.
Ore 20:30. 15 cm di neve fresca per terra.
Ci organizziamo nel seguente modo: io schizzo in caldaia ad accendere riscaldamento e acqua. Lui schizza di sopra con le valigie e alza i termostati.

Ecco. E' in quei momenti che vorresti morire.
Sgrano gli occhi.
"Amore..."
"Dimmi... hai freddo?"
"...le chiavi"

Johnny attende, con un sorriso a metà, che io gli dica che sto scherzando.
Non scherzo.
Altro che latte detergente: le chiavi.

Morale: torniamo a casa a prendere le chiavi e ritorniamo in montagna, cantando e ridendo per tutto il viaggio. Facciamo anche una sosta da bravi piccioncini i cui particolari vi risparmio. Si chiama prendere le cose con filosofia.
Arriviamo verso le due di notte. La casa è congelata.
Direttamente dal diario di bordo della prima sera di vacanza, la seguente diapositiva: io e Johnny congelati intorno ai fornelli accesi, giubbotti addosso, davanti a un pentolino di vin brulé che bolle. Praticamente due barboni a New York che si scaldano col fuoco nei bidoni.

28 dicembre. Partenza per la puglia.
Sono sicura di avere dimenticato qualcosa.
Arriviamo davanti alla casa.
"Amore..."
"Lisa... a tornare indietro da qui sono otto ore"
"Ma no, dai! Ho dimenticato lo spumante per Capodanno!"
Sospira di sollievo: "domani ne prendo otto bottiglie."

Buon anno a tutti e a presto con nuovi aneddoti.
E voi? Dimenticato qualcosa dalla valigia? ;)

P.S.: il pittore pazzo mi ha mandato gli sms di auguri per Natale, Capodanno e Befana firmandosi "COSI'TIVEDO".
Stasera forse lo incrocio dalla dea. Potrei decidere di spezzargli le braccia o di tagliargli un tendine con delle forchettine colorate da olive ascolane.

12 commenti:

  1. e io che l'avevo ammazzato.
    ciao, bentornata. ;)
    ma prima o poi ce lo dici dove sta la dea, ok.

    RispondiElimina
  2. Geniale.
    Bravi, io, ahimé, non so prendere le cose con Filosofia

    RispondiElimina
  3. io sono uno che se torna a casa a prendere le chiavi nel tragitto si dimentica per quale motivo sta tornando a casa. e mi fermo qua.
    buon anno superlisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto perché sei tu, buon anno anche a te.
      Annuncio che sotto le feste di natale ho fatto le scale 5 volte per prendere i pacchetti di natale. Sono scesa ogni volta con una cosa diversa, che non erano i pacchetti di natale, giusto per non sentirmi arteriosclerotica.
      Alla sesta volta ho urlato "lisa, cazzo! i pacchetti, devi prendere I PACCHETTI!!!"

      Elimina
  4. ahahahahahaahahah sei unica.
    Io purtroppo niente valigia, vancanze a casa.
    ps. ma il pittore stalker non molla eh...
    Ciao tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. macché mollare, adesso mi ha pure trovata su FB... è la rovina!!!

      Elimina
  5. beh ci vuole dell'indubbio talento... che chiamo così perché molto più spesso di quanto vorrei aono preda da smemorite acutissimissima!

    RispondiElimina
  6. ciao Lisa!
    qui (da dove scrivo) c'è un gran bel sole.
    in un giorno così ci starebbe proprio bene una nuova puntata della mia serie preferita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh...non sono sparita, torno a breve! ;)

      Elimina